Privacy Policy

Marco Valerio Massenzio nacque tra il 275 e 278, o forse attorno al 283; Eutropia, sua madre, la seconda moglie di Massimiano, era siriana, e forse anche Massenzio nacque in Siria. Si sposò poi con Valeria Massimilla, figlia di Galerio, tra il 293 e 294.

Quando Costantino fu acclamato imperatore, Massenzio decise che anche lui aveva lo stesso diritto, in quanto anch’egli figlio di un Augusto. Decise pertanto di farsi acclamare tale il 28 ottobre del 306 dai soldati; in poco tempo riuscì a catturare Severo e sottrargli completamente l’Italia e l’Africa. Galerio non riuscì a intervenire e dovette riconoscergli il possesso dei territori conquistati.

Anche Massimiano cercò di rimettersi in gioco, ma non riuscì a sottrarre potere al figlio. Per mettere ordine l’11 novembre del 308 a Carnuntum Galerio e Diocleziano si incontrarono, decidendo di elevare ad Augusto Licinio (e non Massimino Daia), di riconoscere il titolo di Cesare a Costantino, e di dichiarare Massenzio hostis publicus.

Posto in questa posizione scomoda, Massenzio riprese subito l’Africa, dove il prefetto Lucio Domizio Alessandro si era fatto proclamare imperatore, prendendo anche la Sardegna; rischiava di affamare Roma, ma già nel 311 lo fece eliminare dal nuovo prefetto al pretorio Rufio Volusiano.

Nel frattempo Massimiano, per cementare l’alleanza con Costantino, aveva dato in sposa a lui sua figlia Fausta; ma, ebbro di potere, cercò ancora di farsi acclamare imperatore. Raggiunto da Costantino a Marsiglia, lo costrinse probabilmente a suicidarsi, nel 310.

Tra l’anno seguente e il 312 Costantino proseguì la sua guerra contro il figlio Massenzio, prendendo una città italiana dopo l’altra. Lo scontro finale avvenne nei pressi di Roma (che con Massenzio aveva vissuto una rinascita come mai prima di allora nel secolo precedente; aveva chiamato perfino il figlio Romolo), a Ponte Milvio, il 28 ottobre 312. Ma Massenzio venne sconfitto, e morì annegato nella fuga, poiché il ponte provvisorio non resse la calca.

Storie Romane è totalmente gratuito. Nel caso volessi contribuire al progetto puoi donare qui:https://www.paypal.me/GConcilio


Seguici su:

www.storieromane.it

https://www.facebook.com/storieromane/

https://www.instagram.com/storieromane/